Author:Parco Villa Reale

I Giardini ritrovati di Elisa_Turislucca

Gli appuntamenti di aprile

Corso di Intrecci Naturali_Parco di Villa Reale

14-15 APRILE: Costruisci con le tue mani oggetti unici che raccontano il territorio in cui vivi in un parco ricco di storia e natura. Iscriviti al corso se vuoi iniziare gradualmente, e in compagnia, durante le feste Pasquali.
Cosa farai: Costruirai un cesto della tradizione completamente intrecciato dal fondo al manico, unicamente con materiale naturale! Utilizzando solamente le tue mani e un paio di forbici da pota.

A che ora: dalle 13:30 alle 17:30     Livello: Base Costo: 90,00 € / partecipante  Durata: 8 ore suddivise in due incontri di 4 ore ciascuno  Partecipanti (min / max) : 4 – 6
Nel costo è compreso l’ingresso al parco: assicurati di arrivare in tarda mattina per riuscire a visitarlo con calma! Perchè non pensare anche di portarsi un pic-nic?? Un’ottima idea per passare un’intera giornata all’aria aperta e ricaricarsi prima di iniziare il corso!
I posti a disposizione sono molto limitati per permettere che tutti possano trarre il meglio da questa opportunità: ISCRIZIONE AL CORSO OBBLIGATORIA sulla discussione dell’evento, con un messaggio privato, Tel: +39 0583 30108 e mail: info@parcovillareale.it

Caccia al Tesoro Botanico_Parco di Villa Reale

La Caccia al Tesoro Botanico, ideata e organizzata dal network Grandi Giardini Italiani, è un’ottima occasione per far avvicinare i bambini al giardino ed alla natura, facendo loro scoprire e riconoscere in maniera giocosa – foglia per foglia – gli alberi e le piante presenti nei parchi. E quale occasione migliore del giorno di Pasquetta, 17 Aprile 2017, per una passeggiata ed una bella caccia botanica in uno dei più bei Giardini visitabili d’Italia? Sarà anche possibile passare tutta la giornata nel parco, che regala scorci meravigliosi, portandosi il pranzo al sacco e assaporandolo in compagnia.

A chi è rivolta la caccia: Ai bambini e ragazzi dai 6 ai 12 anni – i più piccoli potranno comunque entrare nel parco e stare con i familiari

Come si svolge: I bimbi potranno andare alla ricerca del tesoro botanico insieme alle loro famiglie e amici seguendo la mappa che viene consegnata alla biglietteria. Trovati tutti gli indizi, si arriverà a scoprire dov’è il baule con il tesoro! Ogni bimbo porterà a casa un piccolo premio e un diploma di partecipazione.

A che ora: Non c’è un’orario, potete arrivare dalle 10 alle 16:30 (il parco chiude alle 18:00) quando preferite!

Quanto costa: Bambini 5€ – Adulti 9€ – Over 65, soci Fai, Soci Touring Club, Abbonati CTT Nord 7€

Prenotazione caldamente consigliata!

I Giardini ritrovati di Elisa_Turislucca

17 e 29 APRILE: il nuovo itinerario di Turislucca vuole rivelare i segreti de “I giardini ritrovati di Elisa Bonaparte a Villa Reale” all’interno del progetto LOOK ‘OUT’ LUCCA – Itinerario verde inizia a Lucca e arriva a Marlia! Novità: il tour guidato parte dal’InfoPoint di Piazzale Verdi con il bus 59 che porta proprio all’ingresso del parco! Un tour senza pensieri..Prenotazioni obbligatorie: turislucca@turislucca.com

Maggiori info: clicca qui

0
0
Caccia al Tesoro Botanico_Parco di Villa Reale

Pasquetta: 2° Caccia al tesoro botanico!

A Pasquetta l’appuntamento imperdibile, per grandi e piccoli, nel Parco di Villa Reale è alla sua seconda edizione!

Caccia al tesoro botanico 2016

Foto ricordo I° Caccia al tesoro Botanico

La Caccia al Tesoro Botanico, ideata e organizzata dal network Grandi Giardini Italiani, è un’ottima occasione per far avvicinare i bambini al giardino ed alla natura, facendo loro scoprire e riconoscere in maniera giocosa – foglia per foglia – gli alberi e le piante presenti nei parchi.

E quale occasione migliore del giorno di Pasquetta, 17 Aprile 2017, per una passeggiata ed una bella caccia botanica in uno dei più bei Giardini visitabili d’Italia?

Sarà anche possibile passare tutta la giornata nel parco, che regala scorci meravigliosi, portandosi il pranzo al sacco e assaporandolo in compagnia.

A chi è rivolta la caccia:

Ai bambini e ragazzi dai 6 ai 12 anni – i più piccoli potranno comunque entrare nel parco e stare con i familiari

Come si svolge:

I bimbi potranno andare alla ricerca del tesoro botanico insieme alle loro famiglie e amici seguendo la mappa che viene consegnata alla biglietteria. Trovati tutti gli indizi, si arriverà a scoprire dov’è il baule con il tesoro! Ogni bimbo porterà a casa un piccolo premio e un diploma di partecipazione.

A che ora:

Non c’è un’orario, potete arrivare dalle 10 alle 16:30 (il parco chiude alle 18:00) quando preferite!

Quanto costa:

Bambini 5€

Adulti 9€

Over 65, soci Fai, Soci Touring Club, Abbonati CTT Nord 7€

Prenotazioni:

Scrivici a info@parcovillareale.it oppure chiamaci allo 0583/30108

Altre informazioni e curiosità:

Sui social! FacebookInstagram

NOTA BENE: prenotazioni chiuse! La caccia è sold out!! Grazie a tutti!!!!!!

Gli altri Grandi Giardini Italiani nei quali si svolge l’edizione 2017 della Caccia al Tesoro Botanico sono:

Piemonte
Villa Ottolenghi Wedekind (Acqui Terme, AL)
Villa Badia (Sezzadio, AL)
Castello di Miradolo (S. Secondo di Pinerolo, TO)
Oasi Zegna(Trivero, BI)

Lombardia
Parco della Fondazione Minoprio (Vertemate con Minoprio, CO)
Villa del Grumello (Como)
Villa Carlotta (Tremezzina, CO)
Giardini di Villa Melzi d’Eril (Bellagio, CO)
Rossini Art Site (Briosco, MB)
Giardini di Villa Monastero (Varenna, LC)
Giardino Botanico Heller (Gardone Riviera, BS)
Il Vittoriale degli Italiani (Gardone Riviera, BS)
Isola del Garda (S. Felice del Benaco, BS)
Rocca di Lonato del Garda (Lonato del Garda, BS)
Parco Botanico Angelo e Lina Nocivelli (Verolanuova, BS)
Villa della Porta Bozzolo (Casalzuigno, VA)

 

Trentino Alto Adige
I Giardini di Castel Trauttmansdorff (Merano, BZ)

Veneto
Castello di Roncade (Roncade, TV)
Castello di San Pelagio (Due Carrare, PD)
Villa Trissino Marzotto (Trissino, VI)

Liguria
Villa Serra (Sant’Olcese, GE)
Giardini Botanici Hanbury (Ventimiglia, IM)

Emilia Romagna
Giardino di Palazzo di Varignana (Varignana, BO)
Labirinto della Masone (Fontanellato, PR)

Toscana
Giardino Bardini (Firenze)
Giardino Storico Garzoni (Collodi, PT)
Parco della Villa Reale di Marlia (Marlia, LU)

Lazio
Roseto Vacunae Rosae (Roccantica, RI)
Castello Ruspoli (Vignanello, VT)

0
0
Corso di intreccio_Gentili

Marzo: Corsi di Intrecci Naturali

“La primavera è nell’aria, le gemme si ingrossano sui rami, qualche volo d’insetto sui primi fiori, nei campi e nei giardini tutti intenti con le potature.

Il materiale per intrecciare è più abbondante che mai, è il momento giusto per conoscere quali vette utilizzare.

Ritorna alle origini, intreccia con le tue mani gli oggetti della tradizione”.

Così Marco Gentili, toscano di origine e di vocazione, richiama chi vuole scoprire la tradizione dell’intreccio per creare cestini naturali come si usava una volta. Cominca a marzo questa avventura di ritorno al passato nel parco di Villa Reale, che di passato ne ha vissuto tanto e dove il profumo di storia aleggia per tutto il complesso.

Avrai la possibilità di imparare ad intrecciare vette con le tue mani da zero con dei corsi introduttivi, oppure migliorare la tua manualità attraverso corsi base di due pomeriggi. Tutto questo, in contesti sempre diversi all’interno del parco così da poter allietare anche gli occhi, e non solo lo spirito, per un’esperienza sempre nuova e coinvolgente.

COME??

Presentati alla biglietteria del parco in abiti comodi e tanta voglia di intrecciare!

I primi due corsi di intrecci naturali si terranno in due weekend di marzo ma attenzione! I posti a disposizione sono molto limitati per permettere che tutti possano trarre il meglio da questa opportunità: prenota scrivendoci a info@parcovillareale.it oppure chiamandoci allo 0583/30108!

Corso di intreccio_Gentili

Data – Orario: 11 marzo – dalle 14:30 alle 17:30


Livello: Introduttivo - CESTERIA PER TUTTI
Durata: 3 ore
Partecipanti (min / max): 4 – 6


Il corso è’ indicato per tutti, idealmente a partire dai 14 anni, ma per i volenterosi non esistono limiti di età.
Costo: 35,00 € / partecipante – Incluso: ingresso al parco (9,00€) e materiale per intrecciare.

 

Cosa farai: Un contenitore con base in legno e corpo intrecciato, con un semplice bordo di finitura.

Corso di intreccio_Gentili

Data – Orario: 18 e 19 marzo – dalle 13:30 alle 17:30


Livello: Base – IL CESTO TOSCANO
Durata: 8 ore suddivise in due incontri di 4 ore ciascuno
Partecipanti (min / max): 4 – 6

 

Costo: 80,00 € / partecipante

Incluso: ingresso al parco (9,00€) e materiale per intrecciare

 

Cosa farai: Costruirai un cesto della tradizione completamente intrecciato dal fondo al manico, unicamente con materiale naturale! Utilizzando le tue mani e un paio di forbici da pota.

Marco GentiliCon chi? Marco Gentili [maker]: Maturata l’esperienza su larga scala opera ora nel piccolo, rendendo vitale e mantenendo unitario Casa Gentili, l’immobile storico ereditato; realizza oggetti della tradizione e sperimenta nuove strutture con il materiale naturale facendone apprezzare la semplicità primitiva.

0
0
mappa olfattiva di Lucca

Da Villa Reale sulle tracce della “Lucca olfattiva”

<< Elisa Baciocchi, come tutti i Bonaparte, aveva una grande passione per la botanica e  fece della sua residenza a Marlia, così come aveva già fatto Josephine nella sua residenza di Malmaison, un vero e proprio vivaio in cui introdusse anche specie appena arrivate da paesi lonatni .

Sarà così che dalla Villa Reale di Marlia si diffonderanno nei giardini lucchesi nuove specie come le mimose, le magnolie, i glicini. Anche il geranio, già noto ma fino ad allora relegato negli orti botanici, diventerà uno dei protagonisti non solo dei giardini ma anche sei salotti lucchesi. >>

Portrait_of_Elisa_Bonaparte

Le piante e i fiori sono dunque testimoni del tempo a Lucca, dove lo studio di una mappa speciale permetterà la riscoperta di una “Lucca olfattiva” del tempo di Napoleone e Elisa. La mappa è stata presentata il 20/01/17 a Palazzo Ducale da Simonetta Giurlani Pardini e Paolo Emilio Tomei nel convegno “Sulle tracce di Elisa Bonaparte, Principessa di Lucca (1805-1814). Il percorso olfattivo”.
Si tratta di un percorso storico, olfattivo appunto, che permette di entrare nello spirito del tempo, comprenderne la cultura e le regole sociali, scoprire le fragranze e i nuovi profumi della Reggia lucchese soprattutto nei luoghi  della città in cui furono introdotte  le nuove specie botaniche.

Il percorso olfattivo collega una serie di luoghi non simbolici ma odorosi, emersi all’interno della città murata grazie ad una approfondita indagine storico-archivistica portata avanti dall’associazione “Napoleone ed Elisa: da Parigi alla Toscana” e, in particolare, da Simonetta Giurlani Pardini, esperta di storia del profumo e grande appassionata della storia della città.

Tra le presenze botaniche che risalgono al periodo napoleonico si segnalano Magnolie, Platani, Liliodendrum tulipifera, Tigli e Glicine. Si tratta di una “traccia storica” di interesse anche turistico, poiché offre un approccio sensoriale alla città ed alla sua visita, nonché alla Lucca francese. Se nella civiltà dell’immagine l’olfatto, legato ai ricordi, alle memorie, alle emozioni e all’identità è stato il senso dimenticato, oggi la percezione olfattiva sta ritrovando il suo ruolo con la collaborazione della scienza che sta cercando di svelarne tutti i suoi segreti.

 

LUCCA OLFATTIVA – LA MAPPA

Ideazione Associazione Napoleone ed Elisa: da Parigi alla Toscana,  curatori Simonetta Giurlani  Pardinie Prof. Tomei,  grafica Beatrice Speranza.

ALCUNE DI QUESTE PIANTE DI ELISA NEL PARCO DI VILLA REALE

Testi tratti da: https://napoleoneeilsuotempo.wordpress.com/ e da http://www.lagazzettadilucca.it/cultura-e-spettacolo/2017/01/magnolie-glicini-platani-guidano-alla-lucca-olfattiva/

0
0
Logo Antiche Camelie della Lucchesia

Le Camelie “si mettono in mostra”

La XXVIII edizione della mostra Antiche Camelie della Lucchesia in programma a marzo 2017 presenterà svariate novità, tra cui la più significativa sarà la concreta collaborazione tra due eccellenze del territorio circostante Lucca: il Camellietum compitese con le sue innumerevoli camelie e il parco della Villa Reale di Marlia con i suoi 16 ettari di raffinati giardini e rarità botaniche.

Proprio in occasione di questa importante manifestazione il parco della Villa Reale mette in mostra i suoi due Viali delle Camelie con più di 30 varietà antiche arrivate nei suoi giardini per volontà di Elisa Baciocchi, sorella di Napoleone e Principessa di Lucca, nei primi anni dell’800.

Viale delle Camelie

Il Camelieto di Sant’Andrea di Compito, che è stato riconosciuto come International Camellia Garden of Excellence, vuole ampliare l’offerta della 28° edizione dando la possibilità di acquistare un unico biglietto valevole nel mese di marzo 2017 per:

  • la visita della mostra delle Antiche Camelie della Lucchesia

e

  • la visita al parco della Villa Reale di Marlia, il quale ospita due viali delle camelie in un contesto di giardino storico e architettonico

Si potranno dunque visitare entrambe le eccellenze del Comune di Capannori acquistando il biglietto cumulativo, beneficiando così di uno sconto sostanzioso.

Occasione imperdibile questa, per conoscere meglio la Lucchesia attraverso la regina indiscussa della manifestazione: la camelia. La Mostra delle Antiche Camelie a Sant’Andrea di Compito ospita esposizioni, degustazioni, passeggiate nel verde e concerti con una particolare attenzione al territorio circostante. Ecco da dove nasce la sinergia con il parco della Villa Reale a Marlia, che dista soli 15 km dal Camelieto e che ospita 55 rare piante di camelie in un contesto storico-architettonico unico.

Viale delle camelie

A Marlia, i visitatori potranno passeggiare sui viali delle camelie costeggiati da ruscelli e continuare all’interno del parco tra giardini incantevoli (Giardino Spagnolo, Giardino all’Italiana, Giardino dei Limoni) e strutture storiche come la Villa Reale, la Palazzina dell’Orologio, la Grotta di Pan. Una passeggiata che regalerà scorci memorabili in questa cornice colorata invernale, prima o dopo la visita alla mostra delle Antiche Camelie della Lucchesia.

Nella galleria sottostante si può dare un’occhiata ad alcune foto che riguardano Villa Reale e il Camelieto Compitese durante la mostra.

Per info e prenotazioni:

info@parcovillareale.it oppure info@camelielucchesia.it

Facebook Villa Reale

0
1
i luoghi del cuore

Vota il tuo luogo del cuore – Censimento FAI 2016

veduta-su-giardino-spanolo-e-grotta-di-pan-photo-by-l-bartoli

“I luoghi del cuore appartengono a una geografia sentimentale in cui ciascuno di noi è un viaggiatore speciale”.

Visite - Orari

I nostri viaggiatori speciali ci raccontano continuamente aneddoti che riguardano la Villa Reale di Marlia. Il suo passato infatti, è ricco di storie e curiosità che hanno caratterizzato diversi momenti della vita di molti.

Proprio per questo i lavori di restauro cominciati l’anno scorso stanno riportando agli antichi splendori sia la villa che le altre architetture della proprietà, senza tralasciare il parco.

“I luoghi del cuore non conoscono confini che non siano tracciati dalle nostre emozioni, dai nostri ricordi, dalla nostra esperienza”. Se Villa Reale fa parte del tuo passato, basta un click per votarla come luogo del cuore e aiutarci nella salvaguardia di questo patrimonio.

luoghi-del-cuore

Ognuno di noi è emotivamente legato ad almeno un luogo che spesso rappresenta una parte importante della propria vita e vorrebbe che fosse protetto per sempre. Questo è il presupposto che ha dato il via tredici anni fa al censimento nazionale “I Luoghi del Cuore”, promosso dal FAI in collaborazione con Intesa Sanpaolo, che chiede a tutti i cittadini di segnalare i piccoli e grandi tesori che amano e che vorrebbero salvare.

C’è tempo fino al 30 novembre 2016 per votare Villa Reale come il tuo luogo del cuore! Non perdere l’occasione di aiutarci : basta un click sulla scheda del parco (www.iluoghidelcuore.it).

0
0
gruppo-pittori-usa-al-parco-villa-reale-ottobre-2016-7

Dagli USA con la passione per la pittura

A colorare questa giornata autunnale è stato un gruppo di appassionati per la pittura e per gli acquerelli provenienti dagli Stati Uniti d’America. I visitatori hanno voluto restare a lungo nel parco per poter scegliere lo scorcio migliore da immortalare.

gruppo-pittori-usa-al-parco-villa-reale-ottobre-2016-7

Tra le zone più ambite non poteva mancare quella della Villa del Vescovo, ormai quasi interamente abbracciata dal manto rossastro dell’antica edera ai suoi piedi.

gruppo-pittori-usa-al-parco-villa-reale-ottobre-2016-6

Date le molteplici sfaccettature di questo edificio, i pittori hanno potuto sbizzarrirsi sia rivolgendosi alla terrazza che dà sul parco e sul lago, sia negli angoli più introversi del cortile della Villa.

gruppo-pittori-usa-al-parco-villa-reale-ottobre-2016-3

Hanno sfidato la pioggia riparandosi dalle gocce d’acqua ma continuando a dipingere il luogo che li aveva colpiti dritti al cuore, come in questo caso la chiesetta adiacente alla Villa del Vescovo.

gruppo-pittori-usa-al-parco-villa-reale-ottobre-2016-16

Invece, alla Grotta di Pan hanno trovato riparo e ispirazione due pittrici che hanno dato libero sfogo alla loro passione dipingendo il parco incorniciato dagli archi antistanti la grotta.

Tra uno schizzo e l’altro il gruppo si è alllietato con un pic-nic in compagnia prima di ripartire verso la prossima meta. Sfoglia la galleria per vivere l’atmosfera culturale che anche oggi è stata protagonista al Parco della Villa Reale di Marlia.

0
0
IoDonna a Villa Reale di Marlia

IoDonna: il look autunnale è…al verde!

IoDonna a Villa Reale di Marlia

Il colore di tendenza per i primi freddi del 2016 è il verde

La cornice verde del Parco della Villa Reale di Marlia è stata selezionata per l’ambientazione del photoshooting autunnale di uno dei più importanti magazine italiani: IoDonna del Corriere della Sera.

Se il verde è il colore del momento, IoDonna non si è lasciata scappare l’occasione di immortalare il trend dei grandi marchi nella location ottimale: il parco di sedici ettari della Villa Reale (LU) dove questo colore è protaginista in una cornice storica di rilievo.

Se vi siete persi il magazine in edicola con l’articolo di Silvia Meneguzzo, le fotografie di Toni Thorimbert e il testo di Michaela K. Bellisario, non preoccupatevi!! Potrete leggere i consigli, scorrere la libreria fotografica e vedere anche il video girato a Villa Reale, cliccando qui

Per scoprire invece cosa scrive IoDonna sul parco della Villa Reale, clicca qui

0
0
Foliage - autunno 2016

I boschi incantati di Husqvarna: il fascino del foliage

Grandi Giardini Italiani e il Parco della Villa Reale di Marlia vi invitano alla scoperta di un itinerario sensazionale dedicato al foliage: I Boschi incantati di Husqvarna

Dall’equinozio d’autunno che quest’anno cade il 22 settembre al 31 ottobre, andar per boschi e giardini ha un fascino molto suggestivo. “In questo periodo si assiste al foliage: quel momento in cui i boschi danno spettacolo di sé con la colorazione autunnale delle foglie che va dal giallo al marrone passando per il rosso e l’arancio, fino alle fantastiche sfumature di prugna e viola. Ogni giardino ha una storia che passa attraverso un albero o un bosco e la cura degli alberi, in particolare, e dei boschi, in generale, è fondamentale per valorizzare il patrimonio presente in ciascun giardino” spiega il network Grandi Giardini Italiani.

Foliage - autunno

L’iniziativa, voluta e cercata da Husqvarna, il più grande produttore di attrezzature professionali per la cura del bosco e del giardino, consiste in un viaggio durante il quale sarà possibile assistere allo spettacolo della natura durante il foliage – scoprendo esemplari rari, sia per genere sia per vetustà.

Per dare il benvenuto a questa nuova stagione verranno anche organizzati eventi e attività: stay tuned!

I 33 boschi incantati italiani di Husqvarna si trovano in tutta la penisola:
 
Piemonte
Parco della Villa Pallavicino (Stresa, VB)
Reggia di Venaria Reale (Venaria Reale, TO)
Parco di Palazzo Malingri di Bagnolo (Bagnolo Piemonte, CN)
Oasi Zegna (Trivero, BI)
Castello di Miradolo (San Secondo di Pinerolo, TO)
Villa Badia (Sezzadio, AL)Lombardia
Isola del Garda (San Felice del Benaco, BS)
Il Vittoriale degli Italiani (Gardone Riviera, BS)
Villa Melzi d’Eril (Bellagio, CO)
Villa Carlotta (Tremezzina, CO)
Villa Visconti Borromeo Litta (Lainate, MI)
Villa Arconati (Castellazzo di Bollate, MI)
Villa del Grumello (Como)
Villa Cicogna Mozzoni (Bisuschio, VA)Veneto
Giardino Barbarigo Pizzoni Ardemani (Valsanzibio di Galzignano Terme, PD)
Villa Fracanzan Piovene (Orgiano, VI)
Giardino Giusti (Verona)
 
Trentino Alto Adige
Arte Sella (Borgo Valsugana, TN)
Parco delle Terme di Levico (Levico Terme, TN)
Giardini di Castel Trauttmansdorff (Merano, BZ)

Liguria
Parco Storico di Villa Serra (Sant’Olcese, GE)
Giardini Botanici Hanbury (Ventimiglia, IM)

Emilia Romagna
Castello di Grazzano Visconti (Grazzano Visconti, PC)
Giardino di Palazzo di Varignana (Varignana, BO)

Toscana
Parco della Villa Reale di Marlia (Marlia, LU)
Giardino Bardini (Firenze)
Villa Peyron (Fiesole, FI)

Lazio
Giardini Botanici di Stigliano (Canale Monterano, RM)
Giardini della Landriana (Ardea, RM)
Castello Ruspoli (Vignanello, VT)
Sacro Bosco di Bomarzo (Bomarzo, VT)

Campania
Reggia di Caserta (Caserta)

Sicilia
Fondazione La Verde, La Malfa Parco dell’Arte (San Giovanni La Punta, CT)

0
0
Conversazioni napoleoniche 2016

VILLA REALE alle CONVERSAZIONI NAPOLEONICHE 2016

Si è svolta ieri sera la prima delle tre “conversazioni napoleoniche” che coronano la decima edizione di questo importante appuntamento culturale, nato da un’idea di Roberta Martinelli e cresciuto all’interno del progetto “Da Parigi a Lucca: il gusto di vivere al tempo di Napoleone e Elisa”.

Il tema scelto per l’apertura delle conversazioni vertiva sull’intreccio di due figure femminili, importantissime per il loro contributo alla città di Lucca: Elisa Baciocchi e Maria Luisa di Borbone.

Grazie a Velia Gini Bartoli abbiamo avuto la possibilità di comprendere meglio le vicissitudini che hanno portato Maria Luisa di Borbone a Lucca grazie ad una conversazione strutturata e coinvolgente e successivamente con Simonetta Giurlani Pardini abbiamo avuto modo di scoprire nel dettaglio come le abitudini botaniche siano cambiate grazie all’intervento di Elisa e Maria Luisa.

Conversazioni Napoleoniche 2016

Ed è proprio in questo momento che il parco della Villa Reale di Marlia diventa l’esempio più significativo: dagli inizi del 1800 ospiterà infatti varietà di piante esotiche, e soprattutto rare, grazie alla volontà di Elisa di ampliare la specificità botanica del parco antistante la maestosa Villa. Tutt’oggi possiamo ritrovare quelle stesse piante, divenute ormai secolari, le quali fanno ancora appassionare esperti e non.

Ed è dunque con immenso piacere che ringraziamo l’associazione Napoleone e Elisa in Toscana, Roberta Martinelli, Velia Gini Bartoli e Simonetta Giurlani Pardini per averci fatto riscoprire questo importante aspetto della storia della villa e per stuzzicarci sempre con nuove curiosità e aspetti più scientifici che riguardano il periodo impero. Non ci resta che recarci a San Micheletto, Lucca, per assistere alle prossime due conversazioni napoleoniche, stasera e domani sera dalle 21:30!

Il parco della Villa Reale alle conversazioni napoleniche 2016

0
0